pagina web di Ercolina Milanesi

.

Satira

..

“ EVVIVA ! ARRIVANO LE ELEZIONI “

 

dopo un tedioso letargo invernale, finalmente, la primavera è alle porte ( si fa per dire, dato che anche in Riviera vi è un gelo siberiano, dico siberiano dato che la Liguria è tutta pro-comunismo, indi vietato il vento scirocco, dato che viene dall’Africa, terra di continue guerre e guerriglie, e il maestrale che, se non errro, ma errare humanum est, viene dalla Francia e con i nostri cugini non è che vi sia una grande affinità elettiva ) e le elezioni regionali sono sul punto di partenza.

Dove vadano e verso quali lidi questa è una incognita, poichè, grazie ai giornali e alla televisioni, si continua ad assistere a gran carnevalate, anche se il carnevale è finito ma, evidentemente, solo per la nostra religione, per la politica prosegue incessantemente, e dato che sono molto umana, aggiungo, tutto l’anno.

Però, siamo onesti, lo spasso che ci offrono, gratuitamente i nostri deputati ( che sono fortissimi, intelligentissimi, razionali e soprattutto coerenti, ci allietano il grigiore delle nostre giornate ed il sorriso compare anche su visi intristiti e delusi ) lo dobbiamo riconoscere e ringraziare.

E’ esilarante vedere i colonnelli ( chissà poi perché sono chiamati così non lo so proprio, dato che quelli non devono aver fatto neppure il militare e se sentono sparare un colpo fanno un fugone tale che chi li fermerà più ?) che si danno un gran da fare per poter essere eletti e fregiarsi dell’altisonante titolo di governatore, non importa se nel sud o nel nord, basta che siano vincitori.

Secondo i sondaggi (buoni quelli, non ne imbroccano mai una, come chi prevede se domani uscirà il sole, nevicherà o ci sarà un diluvio universale) il centro sinistra (ma quale sinistra ? Sono talmente tanti i partiti che non si può più capire se comunisti, socialisti, ex DC, Panelliani, Mastelliani, questo onorevole poi è un vero camaleonte perché passa il suo tempo a cercare quale partito lo potrà far vincere, tanto chi se ne frega se è destra o sinistra ) dovrebbe essere il favorito e ben dieci sarebbero le regioni conquistate. E il povero centro destra che fine farà ? Sempre secondo i sondaggi gli rimarrebbe il Veneto e la Lombardia, mentre il Piemonte e la Puglia stanno ancora cogitando.

Ma il divertente, almeno per me che ormai sono fuori dalla politica, è il vedere le lotte intestine accese dentro un partito che, secondo logica, dovrebbe essere unito per combattere l’odiato nemico. Ed invece no, si scannano a vicenda, se uno dice bianco, l’altro dice nero, se parte del partito vuole accreditare un tizio, ecco che l’altra parte si ribella e vuole un altro.

Le coalizioni sono andate a farsi friggere, ogni partito vuole correre da solo, presumendo di avere più voti e di vincere.

Non voglio essere cattiva, né reazionaria come sono appellata, penso solo che i nostri deputati sono dei gran bambinoni a cui piace ancora giocare alla “ battaglia navale “, così si divertono e magari trovano l’ispirazione di stare in un partito o passare ad un altro.

Tanto siamo tutti italiani !

Ecco come vedo io le elezioni regionali: di colpo persone pacifiche e restie ad esprimere il loro credo politico, ora, come un’esplosione atomica, corrono come esagitati per vedere il loro nome sulla lista dei candidati; assistere ad una riunione di partito è come trovarsi ai tempi dei moti carbonari  (segretezza, cenni impercettibili affinché il nemico, poichè vi è sempre un nemico, anche nello stesso partito )non possa capire se si tratta di un assenso o viceversa ) con la differenza che ora gli interessi sono del tutto personali e…diciamolo pure, del vil denaro, che vile non è affatto, ma un profit che nessuno disdegna. Chissà se i nostri illustri antenati si stanno rivoltando nella tomba vedendo come si comportano i loro discendenti, loro che hanno combattuto per puro ideale e amore della nostra Patria ?

Non esiste più nessuna coerenza politica, tutti si alleano con tutti, persino con i più acerrimi nemici. Il popolo è confuso e non capisce più nulla. Si sa che il potere è inseguito da tutti e per esso tutto si fa, però la parola dignità deve essere il fulcro dell’essere umano. Chi ha gustato una volta il nettare degli Dei, difficilmente riuscirà a rinunciarvi ed allora avanti a prevaricare uno sull’altro, dimenticando un vecchio proverbio: “ Tra i due litiganti, il terzo gode “e, con la miriade di partiti e partitini che vi saranno, come i vecchi cercatori d’oro, di antica memoria americana, ci troveremo il terzo che spazzerà via la nostra cultura, la nostra religione e la nostra identità. Sta a voi capire a chi alludo, comunque a buon intenditor, poche parole.


torna alla pagina della satira

torna alla home page